Odeeno “Kindleavs” (BLVNT RECORDS / Cassette & Digital Tape)

Oggi ascoltiamo KINDLEAVS,  il nuovo album di Odeeno x Blvnt Records all’ insegna del flow!

Ultimamente meno prolifico del solito, ma mai come quest’anno, il nostro Odeeno si è dedicato più alla forma e al sound di ogni altra sua precedente opera, dopo Untouchable Mirror per Inner Ocean Records (Canada) e Purpura, tape autoprodotto.

Kindleavs , dal sound omogeneo e carico di loudness e di emozioni , è l’ennesimo viaggio, ma forse stavolta il viaggio della calma, della tranquillità e dell’essere maturo nel proprio io.

Noi abbiamo apprezzato questo trip, fatto di percussioni artigianali e suoni fluttuanti, e vi consigliamo di mettervi belli comodi e spararvi questo album nelle cuffie!

Traccia preferita: “Fallingtrees

Annunci

“S T A R G ∆ T E” by Roi U. Al co cΔt

Approposito di beatmakers italiani che spaccano… L’ ultimo tape di Roi U. Al co cΔt  del collettivo Diaphonia  ci ha fatto viaggiare e vi consigliamo di ascoltarlo (così come anche i suoi lavori precedenti).

“S T A R G ∆ T E” è una miscela creativa ed equilibrata di sample ben “scavati”, drums squantizzate, pad cosmici e vocine celestiali, uniti a quell’ estetica lo-fi (ma sobria) che tanto ci fa sognare.

Metteteci poi l’artwork da paura realizzato dallo stesso Roi U. Al co cΔt, graphic designer dallo stile inconfondibile…

Il T O P !

 

 

 

Nu.Bourbon “Raw Computah”

“La chiave è nell’irrequietezza del sound: ho optato per un suono vario ed inaspettato, inserendo le mie influenze culturali di sempre: i film di Mario Merola, lo sci-fi anni 70, la pasticceria napoletana d’avanguardia e il Free Jazz, il Gangsta Rap e Gigi Proietti, poi c’ è il Dub e l’ inferno della poesia napoletana, i videogiochi e John Carpenter… ”
NU.BOURBON

#RawComputah è una raccolta di 17 strumentali realizzate negli ultimi due anni da Vincenzo (Nu.Bourbon) che, rifugiandosi in studio dopo il lavoro ha attinto come materia prima a dischi, cassette, vhs e qualche giocattolo analog, per beats che nascono come esercizi della mente e dello spirito: sono volti – e con successo – a rendere in musica le immagini confuse della metropoli, sempre più globalizzata e a tratti ostile.

Uscito l’ 11 settembre per la sempre più attiva Hashetic Front Records.

“Earwax Shelf Life” by Fuzzoscope

<<Play this record as frequently as possible. Then, as it becomes easier for you, play the record once a day, or as needed.>>

La californiana Fuzzoscope ha da poche settimane rilasciato questa nuova super-compila composta da ben 50 tracce di altrettanti beatmakers provenienti da un po’ tutto il globo intitolata “Earwax Shelf Life”.

Lo stile è vario, ma c’è un comune denominatore: l’amore per determinate sonorità black e abstract  e per tutto ciò che gravita intorno alla musica strumentale che tanto ci piace.

Conviene affrettarsi per averne una copia a tiratura limitata su cassetta o vinile!

Tra i partecipanti a noi più noti segnaliamo Awlnight, submerse , tropes, ed il nostro sempre più internazionale Odeeno.

Buona Musica!

Nu.Bourbon “0vaporizzator”

Questa Pasqua ci ha portato un po’ di sorprese strumentali, una di queste è il nuovo ep del beatmaker partenopeo Nu.Bourbon, che con “0vaporizzator”, rivisita in chiave hip hop abstract “‘O speniello”, famoso brano di Nino D’ Angelo, campionato in passato anche da DJ Gruff (chi si ricorda di “Maserio P.A.D.”?).

<<Il mio è un modestissimo tributo in chiave nu-beat/lo-fi/dub a questo brano senza tempo, usato come pretesto per divertirmi con un po’ di sample da esso estratti, qualche monofonico ed un bel po’ di effetti della Roland Sp-404 >>, spiega sulla sua pagina bandcamp, <<ed anche le drums sono magicamente saltate fuori dal brano in questione e dal doppio disco in vinile in cui è contenuto>>. 

Il tutto in freedownload.

Buona Musica!

 

 

Captain Futuro “Make it Stranger”

Loops e beats inediti del Funky Prez, aka Esa, aka Captain Futuro Beats, al secolo Francesco Cellamaro, vera e propria leggenda dell’ hip hop italiano, nonchè beatmaker e crate digger “a livello cronico”, sicuramente una delle figure che ha (anche se indirettamente) più ispirato la creazione del nostro piccolo blog dedicato all’ universo dei beats.

La sua invidiabile discografia, le sue produzioni, sempre estremamente legate al lato più vintage ed in qualche modo più “real” dell’ hip hop, regalano non poche perle, e solo sulla sua pagina bandcamp si contano decine e decine di release a partire dal 2011 ad oggi (senza contare gli album e le collabo che hanno fatto la storia del rap italiano a partire dai primi anni ’90).

<<Famolo strano>> quindi, come fossimo stranieri nella nostra terra, in cui l’ arte e la musica sono sempre più assoggettati al potere delle major, dove essere sè stesso, per un artista, risulta essere una missione sempre più difficile.

Big Up per Captain Futuro!

 

Odeeno “Untouchable Mirror” (Inner Ocean Records)

Manca non molto all’ uscita di Semp Samples 2, il secondo video-documentario realizzato da BeatZcat Ent. in collaborazione con Ammontone Studio, dedicato ai beatmakers della città di Napoli e della sua provincia. Tra gli ospiti di questo secondo capitolo ci sarà anche Odeeno, sicuramente tra i più prolifici ed apprezzati in Italia ed oltreoceano.

Approfittiamo quindi per consigliarvi il suo nuovo lavoro, come al solito interamente strumentale, che lo vede debuttare con la label canadese Inner Ocean Records.
Un lavoro dal gusto jazzy, ma molto più astratto del solito, con drums e percussioni “artigianali” (spesso “irregolari” ma comunque fluide) che la fanno da padrone su tappeti sonori composti da campioni minimali e stralunati, ma sempre molto lavorati.

Un viaggio un po’ estremo, ma pienamente apprezzabile da tutti gli amanti del beatmaking più d’avanguardia, di cui Vincenzo ne è vero cultore.

Buon ascolto!

NuBourbon “Damiana” (Review by Yuri Silvestro)

Abbiamo chiesto a Yuri Silvestro, paroliere, poeta di strada, rapper e appassionato di suoni, di scrivere una recensione dell’ ultimo lavoro del producer partenopeo NuBourbon fuori per la label Hashetic Front Records… Ed è arrivata, puntuale come la notte.

 

<<Damiana: “Il jazz di un operaio del settore calzature (dei tempi nostri) !”

Tanto per parafrasare, insomma , Vincenzo Pelliccia non e’ Charlie Parker, non c’ e’ nessun virtuosismo se non nella ricerca ( a volte incompiuta ) e nella “sgramatizzazione” del suono, e il bebop ne potrebbe essere un esempio…

Dicevamo , “Damiana”: psichedelia del post proletariato , rumorosi i suoni che si scorgono,visionari, visioni spezzate e cieli dissonanti presi in prestito dalla società industriale, dalla società tecnologica ; su un controtempo scandito , squantizzato, il disco compie il suo adagio posandosi sui loop ossessivi che diventano melodia ..ma cio dura poco. La musica rubata al quotidiano riassemblata per poi essere scomposta nuovamente , a volte e’ un azzardo maldestro altre volte e’ funzionale come cucire la glitch-hop con il funk, cucire un accenno di cori africani alla noise, tutto il percorso mi ha ricordato (tralasciando l’ hip hop) anche alcune sfumature alla William Basinsky, o l’ intenzione di John Cage in “Living Room Music”.

La Damiana intesa come pianta che ha effetti antidepressivi si rispecchia in questo disco per la ricerca spasmodica di una quiete che e’ estrapolata dal ritmo dei rumori cuciti tra loro, un lavoro di elettronica artigianale . Per ogni evenienza si consiglia di leggere tra le righe le controindicazioni ed assumere la musica non oltre la dose consigliata . ( Un disco al giorno toglie il medico di torno ).>>

by Yuri Silevestro

Odeeno “SwtrWrap”

Il suono è caldo come il tessuto spesso di un maglione, i loop  si susseguono come come una texture ricamata, la mente si perde tra le trame fitte delle armoniche che ne fuoriescono… Si tratta dell’ ultimo lavoro del partenopeo Odeeno, che ci ha abituati alle sue ritmiche fluide ed irregolari, ma che comunque non smette di farci muovere la testa con questo beat tape in pieno mood autunnale e “notturno”.

Enjoy!

by Pelli Cool