Ragoo Records “Dis is Ragoo Vol.3”

Se come noi vi piace la buona musica (e la pasta) non lasciatevi scappare il terzo volume di “Dis is Ragoo” della label italiana Ragoo Records.

Una bella scorpacciata di beat originali con un po’ di producer da scoprire ed approfondire (soundcloud links presenti).

Buona scarpetta!

Tracce preferite: un po’ tutte, ognuno rappresenta il proprio stile!

Annunci

B L K L D G “Clams Tape”

Blacklodge è uno che con l’ SP ci sa fare. Provate a cercare il suo ultimo video su youtube, anzi vi passo io il link!

Il producer  membro dei Diaphonia, di stanza a Bologna, è fuori da poco col suo ultimo ep strumentale “Clams Tape“, 5 beats belli caldi ideali per uno smoke-break…

https://blkldg.bandcamp.com

https://diaphonia.bandcamp.com/

 

“LIFE LONG” by Mancio

Torniamo a scrivere di beats, perchè durante il mese scorso sono uscite un po’ di release di beatmakers italiani davvero interessanti…

Abbiamo apprezzato l’album d’esordio di Mancio, uscito per Hashetic Front Records, ormai fratelli fidati specializzati nel beat d’autore.

“Life Long” è un album fresco come la primavera e con i suoi suoni si abbina perfettamente a questa magica stagione.

Life Long: perchè tutto lascia intendere che il giovane Andrea Mancini avrà una prolifica vita musicale, esordendo a soli 20 anni con un EP davvero sorprendente e dalle sonorità fresche ma allo stesso tempo molto ricercate.

Nella stesura dell’album è stata d’aiuto la formazione classica del producer al conservatorio, affiancata ovviamente allo sviluppo di uno stile personale: cinque tracce che segnano una commistione fra l’hip-hop astratto e le sonorità trap elettroniche più raffinate.

Per restare al passo coi tempi, ma senza perdere in originalità, stile e ricerca.

Sup Nasa “J Dilla ruined my life”

Originale tributo a Jay Dilla da parte del producer italiano Sup Nasa uscito il 23 di febbraio (Dilla-Month !)

 

 

“I don’t feel music the same since I heard his beats. His deep-feelings based music, his chopping technique, his complex yet simple rhythm, made me switch my focus when I listen to music. 

It’s like I cannot enjoy music no longer. It’s like if I don’t find anything that beautifully created, if I don’t find that kind of aestethic struggle, music has no meaning. And I have to thank him for this because it allowed me to upgrade my experience, my way of listening to music, that is my way of living. 

So yes, you ruined my life, but thank you.”

www.ninetofiverecords.com

AAVV – Beatbliotek “LIBRARY 01”

Di realtà che diffondono la nostra amata musica strumentale a livello internazionale ce ne sono parecchie, una di queste è proprio la francese BEATBLIOTEK, e vi consigliamo assolutamente di visitare il loro sito: una vera e propria enciclopedia del beatmaking  internazionale (www.beatbliotek.org).

La loro prima compilation “LIBRARY 01” è una raccolta della crème della scena beat mondiale ed all’ interno compaiono artisti come SNK∆, Awlnight, Drwn e molti altri.

Tiratura di 75  per la copia fisica (CASSETTE!!!)

.

Odeeno “Blutobal”

Prima cassettina dell’ anno per Odeeno: “Blutobal” esce per Autumn Theory Records (Grecia) e contiene ben 15 beats.

Blutobal è un tape nato in viaggio con i miei amici in macchina partendo da Barcellona arrivando fino a Napoli costa su costa città dopo città , il pensiero non va al viaggio in sè ma a qualcuno che nel viaggio con noi non c’era e alle milioni di emozioni che ho provato che mi ha portato a vedere cose che non avevo mai visto oltre alle città oggettivamente nuove ma a determinate emozioni che avevo sentito o letto ma a cui non avevo mai dato troppo peso

Il colore del Blu è un colore profondo e malinconico , principalmente ma stavolta mi sono sofferamento solo sul profondo , proprio come le sensazioni che ho provato e che provo tutt’ora.

Support!

Semp Samples Vol. 2 (Neapolitan digging & beatmaking documentary)

Amici all’ascolto, dopo tanto impegno e tanta fatica, siamo lieti di presentarvi #SempSamples Vol.2, un interessantissimo documentario sul #Beatmaking #Napoletano.

Speriamo vi piaccia e vi consigliamo vivamente di coltivare e supportare (condividendo il video) le realtà locali, che contribuiscono ogni giorno a dare linfa nuova ai movimenti artistici delle nostre città.

Buona visione a tutti!

Prodotto da: BeatZcat & Asso. Ammontone

Starring: #EmceeOzi #Odeeno #Oyo  #Beats #BlackHash #Oohgì

Montaggio: Luigi Scaringi

Grafica: Giò D Gioia

Riprese: Stefania Di Gioia

OohGì “Blooming Session”

Nuovo E.P. all’ insegna del beatmaking per la label italo-londinese Voolcano Harmonix Records!

Protagonista questa volta è OohGì, producer di Arzano attivo da più un decennio, ma sempre in vena di sperimentare nuovi sound. Con Blooming Session ci regala sette tracce che ben miscelano il suono smooth dei synth ai loop di batteria squantizzata, con l’ impronta jazz-funk di chi la musica black la mastica ormai da un bel po’…

Tracce preferite: “Mind“/”18_45

*

OohGì sarà presente anche nel video-documentario in uscita a breve prodotto da BeatZcat Ent. e Asso. Ammontone intitolato SempSamples 2 (il vol. 1 potete trovarlo qui) insieme ad Odeeno, Emcee ‘O Zì, Black Hash e Oyoshe. Stay Tuned!

MUX “ARTIFICIALSCAPE”

Si chiama Mux l’ ultima piacevole scoperta nel favoloso mondo del beatmaking made in Naples. Classe 88, diplomato al conservatorio di Avellino, già membro del duo elettronico Ear Injury, il guaglione ne sa a pacchi e vi invitiamo a leggere qui una sua intervista su BeatmaKings Mag.

Atificialscape esce per Hashetic Front Records (altra release della fidata label che abbina qualità ed originalità) ed è un disco che dovete ascoltare a tutti i costi se amate il suono di bassa fedeltà ma denso di emozioni. Premete play e lasciatevi  trasportare…

“Ogni luogo possiede un proprio carattere, un’atmosfera che suscita nei visitatori determinate sensazioni. Ma è anche vero che ogni visitatore, a seconda della propria sensibilità e del proprio vissuto, percepisce i luoghi con sfumature del tutto personali.

Trasformare in suono queste sensazioni è la motivazione che ha spinto Gian Paolo Fioretti aka Mux a comporre 7 strumentali ispirate ai propri viaggi in Europa, Asia ed Africa.

Beats volti non solo a immortalare particolari stati d’animo, ma anche ad indurli nell’ascoltatore quasi a voler condividere una storia fatta di luoghi e persone, come di frequenze, ritmi, armonie e melodie amalgamate con una creatività e una tecnica sviluppate negli anni.

Tra campionamenti, registrazioni effettuate nei luoghi visitati e parti suonate, prende forma #Artificialscape il cui titolo ricalca l’intento di far viaggiare artificialmente chi ascolta, su un percorso che è del tutto personale ma dove l’ascoltatore sensibile troverà forti similitudini col proprio essere.”